TTOZOI

“TTOZOI” è lo pseudonimo di due artisti avellinesi, Pino (1972) e Stefano (1969). il progetto di ricerca nasce nel 2007 e, dopo diversi anni di sperimentazione, debutta nel 2010 con una grande mostra a Napoli, nelle sale espositive di Castel Dell’Ovo, a cura del Prof. Luca Beatrice, neo curatore del Padiglione Itala alla Biennale di Venezia 2009. Essi sono stati i fautori di un nuovo Informale – naturalmente assoluto – incrociando arte concettuale e forma: prendono una tela e creano un “ambiente” per la pittura, una pittura inusuale, un “humus” per meglio dire. Vero gesto: creare l’opera (rigorosamente a quattro mani ed in contemporanea) utilizzando acqua, pigmenti e materia organica che nel tempo e in determinate condizioni genera “muffe” in grado di modellare la propria estetica. Un’alchimia creativa, sensazionale, magica nel prodotto finale: la “natura”, in senso stretto, per la prima volta è lasciata libera di agire sulla tela, nascendo proprio li, nelle sue trame; tuttavia sarà solo l’artista a deciderne il momento di arresto, ispirato emozionalmente dall’estetica generatasi. La filosofia di TTozoi, dunque, sembra allinearsi anche con un sentire che si affaccia all’ecologia, all’universo ambientale e naturale, attraverso un giudizio sotteso alla contemporaneità; nel loro lavoro più che una critica, si intravede una delicata operazione di assurgere l’opera d’arte ad un lirismo astratto e concettuale eppure materico. Al contempo, un segno di marcescenza che solitamente si forma sulle cose vecchie e stantie (la muffa appunto) diviene una denuncia, un chiaro indizio di un qualcosa che non va, ad indicare in senso universale quel rimanere troppo inattivi ed inerti in talune condizioni di abbandono e di solitudine. Tuttavia si rivela un intimo rinnovamento, ispirato proprio alla fiducia nel processo vitale. Nel solco della Genesi, è come se TTozoi lavorasse al quadro per sei giorni (i tempi biblici non sono poi tanto lontani dai ritmi organici) ed al settimo attendesse che il quadro avvenga. Oppure no. Libero arbitrio. Ciò sta a significare che, l’attesa, il “vuoto d’intervento” – che segue il loro gesto sulla tela – e che a rigor di termini è l’esatto opposto del processo artistico comunemente inteso – non è cosa diversa dall’intervento, ma è parte integrante (culminante, diremmo) di esso. Facendo nulla, consentono al nulla di fare. La riflessione artistica che il loro lavoro ispira è che se difficile è stabilire ciò’ che un quadro dipinto è, allora non rimane che riflettere e deliberare su ciò che un quadro dipinto certamente non è. 

 

 

Opere


Esposizioni

2015

Sex on canvas-Raffaela De Chirico Arte contemporanea

Setup – Artefiera Bologna

AAF Milano – Tedofra Artgallery

2014

Imago Mundi, Luciano Benetton Collection

Arte Fiera Padova, Tedofra Artgallery

” Memoria” Tedofra Artgallery, Bologna

“Breaking the moulds: TTozoi in evolution” a cura di Peter Frank, Los Angeles . U.S.A.

” Incipit”, Tedofra Artgallery, Bologna

“Geografie”, Ortigia ( SR) ex Convento del Ritiro

“Off tours & Taxis”- contemporary art fair Bruxelles

” Europa – Imago – Mundi”, Luciano Benetton Collection

2013

” E.K.V.A. & Italian art now” Los Angeles a cura di Cynthia Penna

” Moulds” San Potito Ultra ( AV) a cura del prof. F.D’Oria  presso il Museo del Lavoro.

” Arte e Moda: Ttozoi”  collezione abiti con muffa, Milano curata da L.Petri .

” Allestimento foyer teatro C. Gesualdo”, Avellino  a cura di E.Emblema .

” Mater”, Torino

2012

” Culture- Muffe su tela”,. Verbania presso la galleria Lakeside Artgallery , a cura di Neil Davenport

” 54ma Biennale di Venezia” sala Nervi, palazzo delle Esposizioni.

” Schimmel auf Leinwand, , Berlino a cura di C.Lio , W.Bischiff Gallery

” E.K.V.A. & Italian art now”, Sixty29 Contemporary – Culver City, a cura di Cynthia Penna –  Los Angeles ( USA)

“Art Karlsruhe Fair”, Karlsruhe ( Germany)

” Molds on Canvas”,  Istituto italiano di Cultura, a cura di Cynthia Penna e Alberto Mauro,  Los Angeles ( USA)

2011

” Grande Napoli Arte”,  Dafne Museum – Castel nuovo ( maschio Angioino), a cura di L. Di Vaia

“Muffa e arte”, Complesso borbonico, Avellino

” Muffe su tela”, Castel Dell’Ovo a cura di Luca Beatrice

” L’estetica delle muffe”, Villa Di Donato, Napoli, a cura di Cynthia Penna

2010

” Luce. Trame. Vita”, Museo Salvatore Emblema, a cura di Emanuele Emblema

” Tremble”,  Positano ( Na)

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

Potrebbero interessarti:

Share this post